La scelta del vino al ristorante spesso trasforma un puro divertimento in una terribile angoscia Cosa fare per sentirsi invincibili?

A volte mi accorgo di ripetermi, forse starò invecchiando.

Però, la verità è sempre la stessa, quindi ripetersi è, per certi versi, perdonabile.

Facilmente deducibile è che conoscere quanto si mangia e si beve è indispensabile per effettuare scelte oculate e consapevoli, dunque anche per non farsi fregare.

Facciamo una fantasia.

Siete al ristorante. Accanto a voi siede la donna dei vostri sogni.Avete impiegato due settimane a farvela presentare ed altrettanto per invitarla a cena.

Vi siete preparati un paio di simpatici argomenti per gli eventuali momenti di inevitabile imbarazzo e tutto sembra andare per il meglio.

Vi state lentamente rilassando e in quel momento il sommelier, o il cameriere vi chiederanno che vino preferite.

Ora, siete ad un bivio, il vostro comportamento nella scelta del vino potrebbe compromettere negativamente la serata oppure farvela concludere nel migliore dei modi.

Come scegliere il vino al ristorante? Che fare? Ordinare la bottiglia più costosa che fa tanto modello boss della malavita, neo capitalista russo o sfigato che sta prosciugando parte del suo esiguo conto in banca per fare” bella figura”?

Ma no, ovviamente!

Fate la cosa più intelligente che potete fare in quel momento, quella che vi renderà fighissimo ed irresistibile agli occhi della vostra commensale.

Conversate amabilmente con il sommelier! A questo punto avrete acquisito un bonus di tale portata che la serata andrà di sicuro come avete auspicato.

Lasciate a lui la scelta del vino, magari con la scusa di voler assaggiare qualcosa che non conoscete, che probabilmente non sarà il vino più caro.

Non siate spocchiosi ma mostrate, attraverso le vostre affermazioni, che non venite dalla montagna con la piena o quella del sapone e che di vino e di degustazioni ne sapete, o almeno fate finta.

Fatelo con simpatia e benevolenza ma esponete tutta la vostra cultura “vitivinicola”, o meglio dire quel po di argomenti a piacere che spero vi siate preparati a casa.

Dopo aver scambiato opinioni e sorrisi, siete pronti a sferrare il colpo finale.

Un ultimo consiglio.

Il vino fa parte del grande patrimonio delle eccellenze del paese.

Consumatelo, amatelo ma nel contempo documentatevi e studiate Come scegliere il vino al ristorante!

Fidatevi, sarà sempre più difficile mettervi nel sacco!