Brutta bestia!

E questa ve la scrivo in romanesco, armeno ve rennete conto si sète o non sète nvidiosi.

Perchè l’invidia è quella brutta sensazione che te pia alla gola, che te fa usci fori le vene dar crevello, che te fa mancà l’aria, che te strozza.

Quanno vedete quarcheduno che vicino a voi nun c ha mai avuto niente, e poi,  dopo che lavora come un mulo giorno e notte, incomincia a vedè la luce der sole, a respirà, tacchete, è li che ve abboffate!

L’amico che mai avevi pensato incomincia a guardatte storto, a fasse rosso, a zozzasse er muso come si se fosse magnato tre kili de trippa ar sugo.

Brutta bestia amici mia,  e si per caso quanno vedete quarche duno che c’ha piu de voi, che ride o che c’ha quarcosa che voi volevate e nun c havete mai avuto, o si per caso voi, che nun avete mai faticato nella vita pe arivà a quarche obiettivo, e li amici vostra che se so fatti un culo come na capanna dopo tanti sforzi ce so arivati e se la so meritata, nun rosicate,  nun tirate fori tutta quell’invidia!

Ricordateve che l’invidia è come la trippa, si ne magnate troppa ve strozza!